Il Consiglio federale decide un loro graduale allentamento

I provvedimenti per contenere l’epidemia di coronavirus mostrano i loro effetti. Il Consiglio federale ha deciso di prolungarli di una settimana, fino a domenica 26 aprile 2020, e di allentarli in seguito gradualmente entro la fine del mese. Le modalità di allentamento saranno oggetto della sua prossima seduta, prevista il 16 aprile. L’Associazione Svizzera dei Maestri Conducenti ASMC ha già raggiunto l’Ufficio federale delle strade USTRA a questo proposito.

L’epidemia di COVID-19 ha conosciuto una forte diffusione in Svizzera. La velocità con cui si propaga è però diminuita notevolmente negli ultimi giorni. I provvedimenti per contenerla sono seguiti dalla popolazione e mostrano i loro effetti.

Tenuto conto dell’evoluzione epidemiologica, il Consiglio federale prolunga di una settimana, fino a domenica 26 aprile 2020, i provvedimenti, che saranno allentati in modo prudente e graduale entro la fine del mese.

Un graduale rilassamento è necessario anche per la formazione di guida

L’Associazione Svizzera dei Maestri Conducenti ASMC ha già raggiunto l’Ufficio federale delle strade USTRA a questo proposito: In una lettera, la SFV ha informato l’USTRA su come e in quali condizioni il graduale rilassamento potrebbe essere attuato dal punto di vista dei maestri conducenti.

Il criterio per l’allentamento è il numero delle nuove infezioni, dei ricoveri ospedalieri e dei decessi. Determinante è inoltre come continueranno a essere rispettate le regole di igiene e di distanziamento sociale e il divieto di assembramenti di più di cinque persone. Il Consiglio federale deciderà le modalità di allentamento nella sua prossima seduta, prevista il 16 aprile.

Per un allentamento efficace del regime attuale devono essere soddisfatte diverse condizioni: la procedura va coordinata sul piano nazionale e con l’estero e vanno coinvolte la scienza e l’economia. Inoltre devono essere disponibili sufficienti risorse umane e materiali per i test per la diagnosi della COVID-19 e per il tracciamento dei contatti. Il Consiglio federale seguirà da vicino questo processo per poter reagire rapidamente se necessario.

Gli obiettivi del Consiglio federale restano quelli di proteggere la popolazione, in particolare le persone particolarmente a rischio, di contenere l’ulteriore diffusione della malattia e di evitare il sovraccarico del sistema sanitario. L’approvvigionamento in Svizzera dev’essere garantito e le ripercussioni sulla società e l’economia vanno ridotte al minimo.

In considerazione della situazione epidemiologica che si registra sul territorio ticinese, il Consiglio federale ha inoltre autorizzato il Cantone Ticino a prolungare fino al 19 aprile le limitazioni ordinate in determinati settori dell’economia.

Ad