Archivio

Spesso i ciclisti si mettono in pericolo da soli

I ciclisti che non rispettano le regole della circolazione causano ogni anno 200 collisioni con morti o feriti gravi. Nella maggior parte dei casi sono loro stessi a pagare il prezzo più alto per i loro errori, come mostra una nuova analisi dell’UPI.

RoadCross Svizzera inizia la campagna di prevenzione «Natel in tasca»

L’uso continuo dello smartphone per strada ha un ruolo fatale soprattutto tra i giovani tra i 16 e i 24 anni. Per questo motivo la Fondazione RoadCross Svizzera lancia una nuova campagna di prevenzione specialmente concepita per i «mobile native» con un messaggio chiaro e semplice: per strada, si lascia il «natel in tasca».

Revisione parziale della LCStr: Mettere le persone al centro

L’Associazione Svizzera delle maestre e dei maestri conducenti ASMC, ha preso posizione sulla revisione parziale della legge sulla circolazione stradale (LCStr) e su diverse ordinanze. Essa invita il Consiglio federale, in relazione alle e-bike, alla promozione di tecnologie rispettose dell’ambiente e alla guida automatizzata, a prestare maggiore attenzione alle persone oltre che alla tecnologia.

Aumentano ancora gli incidenti gravi in e-bike

Le statistiche sull’incidentalità stradale del Ufficio federale delle strade (USTRA) dei primi sei mesi di quest’anno evidenziano un ulteriore incremento di episodi gravi con coinvolgimento di biciclette elettriche. L’Associazione Svizzera dei Maestri Conducenti ASMC sostiene pertanto le misure proposte nella consultazione sulla revisione della LCStr. Tuttavia, saranno necessarie ulteriori misure.