Abilitazione a maestro conducente: Eliminare gli svantaggi per i dipendenti del diritto «previgente»

Nel corso della revisione sull’ordinanza dei maestri conducenti, l’Associazione Svizzera dei Maestri Conducenti, vorrebbe eliminare la disparità di trattamento tra le maestre e i maestri conducenti di diritto previgente e vigente. Il riacquisto dovrebbe essere collegato all’obbligo del perfezionamento professionale. 

La revisione del nuovo profilo professionale delle maestre e dei maestri conducenti sta procedendo rapidamente. Recentemente, l’organo responsabile (l’Associazione Svizzera dei Maestri Conducenti ASMC e la Fédération Romande des Écoles de Conduite FRE), ha presentato la sua proposta per una corrispondente ordinanza sugli esami, alla Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI). Allo stesso tempo, l’Ufficio federale delle strade (USTRA) ha effettuato le prime indagini preliminari per i necessari adeguamenti dell’ordinanza sui maestri conducenti (OMaeC).

Risolvere la disparità di trattamento perturbante

Una questione aperta riguarda la disparità di trattamento delle maestre e dei maestri conducenti di diritto previgente al momento del riacquisto dell’abilitazione a maestra/o conducente, è ancora fastidioso: mentre le maestre e i maestri conducenti di diritto previgente senza un attestato professionale, lo devono prima acquisirlo tramite il modulo B5 e un esame finale, le maestre e i maestri conducenti di diritto vigente con un attestato professionale, l’adempimento dell’obbligo del perfezionamento professionale è sufficiente per il riacquisto. Questo perché l’abilitazione a maestro conducente, secondo l’ordinanza sui maestri conducenti (OMaeC, art. 5), viene rilasciata solo a chi dispone di un attestato professionale federale. In concreto, l’ordinanza sui maestri conducenti prevede che «le persone in possesso dell’attestato professionale federale o delle qualifiche aggiuntive o di un corrispondente decreto di equivalenza (ad esempio maestre/i conducenti stranieri) non devono riqualificarsi, ma devono semplicemente dimostrare di aver completato i corsi di perfezionamento professionale richiesti ai sensi dell’articolo 22 OMaeC.»

L’Associazione Svizzera dei Maestri Conducenti ASMC ha ripetutamente criticato questa disparità di trattamento tra le maestre e i maestri conducenti di diritto previgente e quello vigente. Per questo motivo, i promotori del nuovo profilo professionale hanno ora chiesto all’Ufficio federale delle strade (USTRA), nell’ambito delle modifiche dell’ordinanza sui maestri conducenti, di regolamentare la riacquisizione in un articolo esplicito, in modo che tutte le maestre e tutti i maestri conducenti (con e senza attestato professionale) debbano soddisfare le stesse condizioni.

In altre parole: L’ASMC e FRE vorrebbero (finalmente) regolamentare nella prevista revisione parziale dell’ordinanza sui maestri conducenti, che le maestre e i maestri conducenti di «diritto previgente» senza attestato professionale federale, possono riottenere l’autorizzazione dopo aver frequentato il corso di perfezionamento obbligatorio senza doversi riqualificare.

L’Ufficio federale delle strade (USTRA), ha già comunicato che lo attuerà in questo modo, a condizione che anche l’Associazione dei servizi della circolazione / asa lo sostengano. Con ciò potrebbe essere risolto facilmente e rapidamente una preoccupazione di vecchia data delle maestre e dei maestri conducenti in modo inequivocabile.