Più morti sulle strade : La sicurezza deve tornare ad essere la priorità assoluta

Il numero di morti e feriti gravi per incidenti stradali è aumentato di nuovo nel 2020. Di fronte a questo triste sviluppo, l’Associazione Svizzera dei Maestri Conducenti ASMC ribadisce la sua richiesta di porre maggiore enfasi sulla sicurezza stradale. Le decisioni sbagliate prese negli ultimi anni devono essere corrette.

Un totale di 227 persone sono state uccise in incidenti stradali lo scorso anno (2019 : 187) e 3.793 feriti gravi (2019 : 3’639). Il numero di morti e feriti gravi nel traffico è quindi aumentato di nuovo.

Alla luce di queste cifre, i campanelli d’allarme dovrebbero suonare nelle menti dei responsabili al più tardi adesso. Altrimenti, la tendenza positiva a lungo termine degli ultimi anni potrebbe essere seguita molto rapidamente da un brusco risveglio.

L’Associazione Svizzera dei Maestri Conducenti ASMC teme che le modifiche delle norme sull’ sull’ammissione alla circolazione di persone e veicoli entrate in vigore negli ultimi due anni (abbassamento dell’età minima per le categorie di moto, riduzione dell’obbligo di perfezionamento per i giovani conducenti) avranno ancora un effetto negativo sulle statistiche in futuro. Devono quindi essere corretti ora, in tempo utile.

Rafforzare la formazione e il perfezionamento dei conducenti

Alla luce di questi risultati, l’Associazione Svizzera dei Maestri Conducenti ASMC ribadisce la sua richiesta di porre maggiormente l’accento sulla formazione professionale di guida. Le decisioni sbagliate degli ultimi anni devono essere corrette immediatamente. Inoltre, in vista del cambiamento tecnologico, il principio dell’apprendimento permanente deve essere preso in considerazione anche nel traffico stradale.